News

La Cassazione in sicurezza: indicazioni pratiche

Con apposito comunicato stampa, il Primo Presidente della Corte di Cassazione espone dettagliatamente i comportamenti e gli strumenti utili a contrastare la diffusione del COVID-19, resi necessari dal protrarsi dello stato epidemiologico e dell’emergenza sanitaria a livello nazionale. Per questi motivi, alle prescrizioni già adottate dalla Suprema Corte se ne aggiungono altre più pratiche, in modo tale da riuscire a gestire ogni attività in sicurezza. 

 

Innanzitutto, adempimento preliminare all’accesso alla Corte è la misurazione della temperatura corporea, che ciascuno dovrà effettuare prima di recarsi presso la stessa e, in caso di temperatura superiore a 37,5°, sarà necessario rimanere a casa e contattare il proprio medico, oltre a darne comunicazione all’ufficio. 
La temperatura corporea verrà misurata anche all’ingresso della Corte, mediante termoscanner, e sarà obbligatorio l’utilizzo del dispositivo di protezione facciale e l’igienizzazione delle mani con gel. 

 

L’uso della protezione facciale è necessario anche durante la permanenza nelle aule di udienza, mentre la sanificazione delle mani sarà garantita grazie agli appositi distributori posizionati all’ingresso di ogni aula. 
Va precisato che saranno i Presidenti titolari ad adottare le misure che riterranno più idonee a garantire la sicurezza, soprattutto con riguardo agli orari differenziati per la chiamata delle singole cause e procedimenti e al distanziamento orario per gruppi di cause. Inoltre, viste le diverse condizioni delle aule, ciascun Presidente di collegio stabilirà il numero più idoneo di presenze nel corso delle udienze. 
Per ridurre i tempi di permanenza in Corte per Avvocati e pubblico, poi, il Presidente consiglia di acquisire in tempi utili tramite la cancelleria la comunicazione dei difensori ai fini della loro effettiva partecipazione all’udienza, a cui seguirà l’indicazione dell’orario di chiamata in causa. 

 

Per quanto riguarda le attese dell’udienza, invece, avvocati e parti dovranno sempre indossare le protezioni facciali e mantenere almeno 1,80 metri di distanza di sicurezza. 

 

Anche nel corso dell’udienza è obbligatorio l’utilizzo della mascherina, compreso il momento dell’esposizione della relazione e della discussione orale. Il ricambio dell’aria sarà garantito mediante la costante apertura delle finestre e delle porte, anche ricorrendo a brevi pause di udienza utili a tal fine, mentre le sedute interne saranno già posizionate nel rispetto delle distanze di sicurezza. 
In relazione all’uso dei microfoni, la sanificazione verrà effettuata giornalmente; tuttavia, a ciascun avvocato e consigliere saranno date delle salviettine igienizzanti per provvedere personalmente alla sanificazione dello stesso. 

 

Infine, nelle camere di consiglio sarà necessario l’utilizzo della protezione facciale FFP2 per i consiglieri durante tutta la durata dei lavori ed è obbligatoria la sanificazione delle mani in occasione della consultazione dei fascicoli d’ufficio. 

 

Un’ultima indicazione riguarda i tirocinanti, i quali potranno accedere alle udienze solo quando le dimensioni delle aule lo consentano e comunque in un numero massimo pari a uno per udienza, dovendo indossare la protezione facciale FFP2 e igienizzare le mani. 

 

 

 

Leggi dopo