Giurisprudenza commentata

Notifiche di atti processuali a mezzo di poste private: sono nulle (e quindi sanabili) ma non inesistenti

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

In tema di notificazione degli atti processuali, posto che nel quadro giuridico novellato dalla direttiva n. 2008/6/CE dell’Unione è prevista la possibilità, per tutti gli operatori postali di notificare atti giudiziari, a meno che lo Stato non dimostri una giustificazione oggettiva ostativa, è nulla (e come tale sanabile) - e non inesistente – la notificazione dell’atto giudiziario eseguita dall’operatore di posta privata senza il relativo titolo abilitativo nel periodo intercorrente fra l’entrata in vigore della suddetta direttiva e il regime introdotto dalla L. n. 124/2017.

Leggi dopo