Focus

Terzo settore: il Decreto attuativo sulla detraibilità delle erogazioni liberali in natura

Sommario

Obiettivi del Decreto ministeriale. Riferimenti normativi | Tipologia di erogazioni liberali soggette ad agevolazioni fiscali | La documentazione richiesta al soggetto donatore e all’ente destinatario | Il regime transitorio | In conclusione |

 

Il D.M. 28 novembre 2019 del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali recentemente pubblicato in Gazzetta (30 gennaio 2020), concernente il trattamento tributario delle erogazioni liberali in natura a favore degli Enti di Terzo settore, individua le tipologie di beni che danno diritto alla detrazione dall’imposta o alla deduzione dalla base imponibile ai fini delle imposte sui redditi. Inoltre, stabilisce i criteri e le modalità di valorizzazione dei beni che possono formare oggetto delle erogazioni liberali in natura (art. 1, D.M. cit.). In altri termini, a seguito dell’entrata in vigore del citato Decreto possono fruire dei benefici fiscali, previsti dal Codice di Terzo settore (CTS), persone fisiche e giuridiche che effettuino donazioni a favore di un ente senza scopo di lucro, aventi per oggetto beni, merci o qualsiasi altra res economicamente apprezzabile.

Leggi dopo