Focus

L'immediata esecuzione delle sentenze tributarie di rimborso

Sommario

Immediata esecuzione delle sentenze e condanna dell'Ente impositore | La soluzione recepita nell'art. 69 è ragionevole | In conclusione |

 

Grazie al Decreto Ministeriale n. 22/2017 le sentenze di rimborso e in materia catastale sono immediatamente esecutive. Qualora la condanna ecceda 10 mila euro, il contribuente può chiedere l'immediata esecuzione e dare prova delle proprie condizioni di solvibilità, onde evitare che il Giudice subordini il rimborso alla prestazione di idonea garanzia. Trattasi di soluzione equilibrata e che realizza un equo contemperamento fra la legittima aspettativa del privato di conseguire il rimborso in base alla pronuncia non ancora definitiva e il comprensibile interesse del Fisco di recuperare quanto non dovesse risultare di spettanza del contribuente all'esito finale del processo. Parimenti ragionevole risulta la previsione del ricorso al solo giudizio di ottemperanza, più celere e meno oneroso di quello esecutivo, ove l'Amministrazione non dia seguito alla pronuncia di condanna. E sempre dell'ottemperanza potrà innovativamente fruire il contribuente che non veda eseguita la sentenza a sé favorevole e non ancora passata in giudicato.

Leggi dopo