Focus

La voluntary disclosure ora può decollare

04 Agosto 2015 | Termini di accertamento

Sommario

L'attuazione della Delega fiscale | La disciplina del raddoppio dei termini nella sua evoluzione sino ad oggi | La nuova disciplina del raddoppio dei termini nell’esercizio della delega fiscale | Il periodo transitorio | Gli effetti sulla voluntary disclosure | In conclusione |

 

Licenziato definitivamente dal CdM del 31 luglio scorso lo schema di D.Lgs. sulla “certezza del diritto” che, tra le numerose novità di rilevo (es: disciplina abuso del diritto), prevede che l’istituto del raddoppio dei termini per procedere all’accertamento delle imposte sui redditi e dell’IVA possa operare solo qualora la notizia di reato sia effettivamente inviata alla Procura della Repubblica entro i termini ordinari di decadenza. I riflessi positivi sulla voluntary disclosure sono rilevanti: se l’Agenzia delle Entrate o la Guardia di Finanza non hanno già inviato una denuncia penale entro il 31 dicembre 2014, sono accertabili solo i redditi prodotti dal 2010 (dal 2009 in caso di omessa dichiarazione dei redditi) al 2013.

Leggi dopo