Focus

La "revisione" delle sanzioni amministrative/penali, un intervento dall'ambito incerto

Sommario

Lo schema di decreto | Il favor rei | In conclusione | Riferimenti |

 

Il Governo ha approvato recentemente, allo scadere del termine previsto per l’attuazione della Delega fiscale, lo schema di D.Lgs. avente ad oggetto la “revisione” delle sanzioni penali tributarie. In particolare, le sanzioni penali applicabili al delitto delle indebite compensazioni sono state differenziate. In base alla formulazione iniziale del testo normativo, a seguito di compensazione con crediti non spettanti, le sanzioni penali applicabili avrebbero dovuto essere quelle già previste in passato. In questo caso la sanzione penale è rappresentata dalla reclusione da sei mesi a due anni. Invece per le indebite compensazioni con crediti inesistenti lo schema di decreto legislativo prevede un inasprimento della sanzione da diciotto mesi a sei anni. Non è chiara, invece, l’applicazione del principio del favor rei.

Leggi dopo