Focus

Il regime fiscale forfettario tra ampie prerogative, continue modifiche e dubbi applicativi

Sommario

Premessa | Requisiti soggettivo e dimensionale (comma 54, lett. a)) | Le cause ostative. Spese di importo superiore a 20.000 euro | Reddito di lavoro dipendente d'importo superiore a 30.000 euro | Possesso di partecipazioni societarie | Attività nei confronti di datore del lavoro | Altre fattispecie di esclusione | Le prerogative del regime. Prerogative ai fini IVA | Prerogative ai fini IRPEF e IRAP | Le nuove partite IVA | Altre agevolazioni | La semplificazione degli adempimenti. Semplificazioni ai fini IVA | Semplificazioni ai fini IRPEF e IRAP | Le agevolazioni contributive | Formalità di accesso e opzioni | Passaggio di regime. Aspetti IVA | Aspetti IRPEF e IRAP |

 

Dal 1° gennaio 2016 il regime forfettario (di seguito, anche regime) rappresenta l’unico sistema fiscale di vantaggio per le persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni, in possesso di determinati requisiti. Le fonti normative del regime sono rinvenibili all'art. 1, commi da 54 a 89, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (finanziaria 2015), le cui previsioni sono state interessate da un'altalena di modifiche apportate dalle seguenti leggi: a) Legge 28 dicembre 2015, n. 208; b) Legge 30 dicembre 2018, n. 145; c) Legge 27 dicembre 2019, n. 160.

Leggi dopo