Focus

Il patto di famiglia e i profili critici dell'imposizione diretta in capo al beneficiario imprenditore

Sommario

Il principio di neutralità e la plusvalenza da atto gratuito | Il patto di famiglia e il passaggio generazionale dell'azienda a favore del soggetto imprenditore | La difesa del contribuente: la dubbia attrazione del Patto di famiglia nel novero delle sopravvenienze attive tassabili in capo al beneficiario | Segue: l'obiettiva incertezza circa la portata e l'ambito di applicazione delle disposizioni tributarie e le conseguenze sul piano sanzionatorio |

 

In caso di trasferimento oneroso dell'azienda, eventuali plusvalori derivanti dal valore economico, rispetto al valore contabile, ne comporterebbero l'imposizione in capo al cedente. La previsione di legge, tesa a non considerare prodotta in seno al reddito di impresa del dante causa la plusvalenza derivante dal trasferimento di azienda operato a titolo gratuito, realizza il c.d. “principio di neutralità dell'imposta” di cui si ritiene opportuno precisarne brevemente il contenuto e la ragione d'essere.

Leggi dopo