Focus

Applicazione dell'istituto della tenuità del fatto nei reati tributari e riflessi sul parallelo procedimento tributario

Sommario

Istituto della tenuità del fatto nel processo penale | Applicazione dell'istituto ai reati tributari | Interpretazioni giurisprudenziali sull'applicazione dell'istituto ai reati tributari | Conseguenze dell'applicazione dell'istituto della tenuità del fatto sul parallelo procedimento tributario | In conclusione |

 

L'ordinamento penale prevede la possibilità di non applicare alcuna pena nel caso in cui siano commessi dei reati ritenuti di “particolare tenuità”, i quali cioè non abbiano causato conseguenze dannose rilevanti. L'istituto della non punibilità per particolare tenuità del fatto può essere applicato anche ai reati tributari che rientrano nei limiti di pena stabiliti dalla normativa (pena pecuniaria e/o pena detentiva non superiore nel massimo a cinque anni), in presenza degli altri presupposti previsti dall'art. 131-bis del Codice penale. Occorre, tuttavia, sempre prestare attenzione agli effetti che l'istituto penalistico potrebbe di riflesso avere in un eventuale e parallelo procedimento tributario pendente, dal momento che la non punibilità per particolare tenuità del fatto implica in concreto un accertamento sull'esistenza della condotta contestata.

Leggi dopo