Focus

Ammissione al passivo fallimentare: la prescrizione del credito tributario non va al giudice tributario

Sommario

Premessa | Questione deferita alle Sezioni Unite: giurisdizione | Opposizione all'esecuzione attuata con il pignoramento presso terzi | Ammissibilità delle opposizioni | In conclusione |

 

Ove, in sede di ammissione al passivo fallimentare, sia eccepita dal curatore la prescrizione del credito tributario maturata successivamente alla notifica della cartella di pagamento, che segna il consolidamento della pretesa fiscale e l'esaurimento del potere impositivo, viene in considerazione un fatto estintivo dell'obbligazione tributaria di cui deve conoscere il giudice delegato in sede di verifica dei crediti e il tribunale in sede di opposizione allo stato passivo e di insinuazione tardiva, e non il giudice tributario.

Leggi dopo