Casi e sentenze di merito

Operazioni soggettivamente inesistenti e detraibilità dell’IVA: occorre dimostrare la buona fede

 

In tema di operazioni soggettivamente inesistenti, per la configurazione della buona fede, necessaria ai fini della detraibilità dell’IVA, non basta affermare la non partecipazione all'attività fraudolenta posta in essere dall'altro operatore commerciale...

Leggi dopo